IL CMCC ANALIZZA I RISCHI LEGATI AI CAMBIAMENTI CLIMATICI IN 6 CITTA’ ITALIANE

Facendo seguito al Rapporto pubblicato nel 2020 inerente I Cambiamenti Climatici in Italia, il Centro euro-MediterraI Cambiamenti climatici in sei città italianeneo sui Cambiamenti Cimatici (CMCC) ha voluto, attraverso il nuovo Report Analisi del Rischio – I Cambiamenti climatici in sei città Italiane,  sviluppare ulteriori approfondimenti volti a far conoscere gli scenari climatici attesi in 6 tra le maggiori Città italiane (Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli e Venezia), oltre che illustrare come queste si stanno muovendo per fronteggiare le nuove sfide climatiche.
Per ciascuna delle sei realtà analizzate, il Report propone quattro approfondimenti, che partono dagli scenari climatici attesi, passando per gli impatti territoriali e la valutazione del rischio, per poi analizzare gli strumenti di adattamento sviluppati dalle diverse Città.
La valutazione del rischio da cambiamenti climatici per ciascuna delle Città coinvolte è stata sviluppata attraverso sei settori individuati dalla metodologia elaborata dal CMCC: quadro normativo e procedurale; identificazione dei rischi; valutazione dei Rischi; capacità di valutazione dei rischi e comunicazione dei rischi.
Tra gli strumenti di adattamento delle Città riportati nel Documento si trovano diversi Progetti, a riprova di come queste esperienze ricoprano una grande importanza all’interno dei percorsi di resilienza. Per la Città di Bologna, tra le prime ad impegnarsi sull’adattamento, viene citato il Progetto LIFE BLUEAP, che ha portato all’adozione di un Piano locale di adattamento ai cambiamenti climatici. Per quanto riguarda le diverse esperienze ed iniziative del Comune di Milano, di cui è da notare l’istituzione di una Direzione Città Resilienti all’interno della struttura comunale, si parla dei progetti CLIMAMI, Clever Cities e Forestami. La valutazione dei rischi e delle vulnerabilità indotti dai cambiamenti climatici nel territorio della città di Napoli è stata sviluppata grazie alle attività del progetto europeo CLARITY, mentre nel Comune di Roma sono state svolte parte delle attività del progetto LIFE SOIL4LIFE, con l’obiettivo di fornire linee guida con indirizzi per la gestione sostenibile e la resilienza dei suoli ai cambiamenti climatici. A riguardo degli strumenti della Città di Torino viene segnalata, tra le altre iniziative, la partecipazione al progetto LIFE DERRIS, sviluppato al fine di migliorare la resilienza del settore industriale. Infine, viene evidenziato che la valutazione dei rischi che sarà inserita nel Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC) della Città di Venezia, conterrà i risultati di diversi progetti europei in fase di svolgimento (tra cui SAVEMEDCOASTS 2, ADRIACLIM e HYPERION) e di un recente studio  dell’Università IUAV di Venezia inerente l’area urbana di Mestre finanziato dal progetto SECAP (Supporting energy and climate adaptation policies) nell’ambito del programma Interreg Italy-Slovenia.
Per ulteriori Progetti e buone pratiche per il Clima visita la Piattaforma delle Conoscenze.

Immagine clima 2